fbpx

I tre ingredienti del successo in azienda? Fare. Far bene. Far sapere. Più importante? Far sapere.

I

I primi due sono scontati: fare, non parlare, fare, in prima persona. Far bene, con impegno, dedizione, curando i dettagli. Far sapere però è la cosa più importante e più trascurata. Chi fa bene spesso pensa di essere notato in automatico o non ritiene opportuno farsi pubblicità da solo. Negativo. Gli altri in azienda, a partire dai tuoi capi, hanno una visione  molto parziale di quello che fai. Arriva si e no il 5%. Ognuno è preso dai suoi problemi e dalle sue urgenze quotidiane. Dedica tempo in modo costante e strutturato per far sapere quello che fai, che progetti stai portando avanti, cosa hai in programma di fare. Butta tutto in una PPT e investi tempo a discuterla col capo, col capo del capo, con colleghi e manager di altri dipartimenti. L’obiettivo però non è l’autocelebrazione o l’autopromozione, L’obiettivo è donare. Donare un’idea, un nuovo tool che stai usando, un nuovo approccio ai clienti, una best practice senza chiedere niente in cambio. Donare agli altri la possibilità di partecipare ai tuoi progetti se lo ritengono interessante, cogliere spunti per migliorare il loro lavoro, condividere un percorso. E se poi gli altri mi rubano l’idea, le slide, i semilavorati? Benissimo. Avrai diffuso le tue idee in azienda, avrai contagiato positivamente, fari crescere l’organizzazione. Nel tempo il frutto del tuo lavoro e il tuo talento saranno riconosciuti da molti. Ti tornerà indietro 10 volte quello che avrai donato. Autopromozione e visibilità come sottoprodotti del dono.

Far sapere per donare e non per autocelebrarsi. Donare per crescere.